2016 03 20 15 33 43 844

Domenica scorsa ho partecipato per la quinta volta a questa bella manifestazione che si volge ad Asti da ben 42 anni con la sempre puntuale gestione della Vittorio Alfieri, e per la seconda volta ho contribuito alla vittoria della mia squadra.
Innanzitutto ti spiego cos'è e come funziona.


E' una gara a squadre che si svolge sulla pista di atletica del campo di via Gerbi ad Asti.
Ogni squadra è formata da 24 atleti, di categoria non inferiore alla Juniores, tutti tesserati per la stessa Società.
La manifestazione ha inizio alle ore 14:00 del sabato e si conclude alla stessa ora del giorno successivo, cioè 24 ore (frazioni) dopo.
Ogni atleta partecipa ad una sola frazione, correndo o camminando per un'ora. La partenza di ogni frazione avviene nella parte esterna dell'anello di gara di 400 metri, al via del giudice incaricato.
Il numero di atleti partenti in ogni frazione, equivale al numero di squadre iscritte alla competizione.
Da quel momento ognuno dovrà cercare di percorrere la maggior distanza possibile nell'arco della propria ora.
Il termine della frazione, che coincide con l'inizio della successiva, verrà dato dal suono della campana. Ogni atleta, dopo il suono, dovrà obbligatoriamente concludere il giro in corso.
Per ogni atleta verranno computati i giri completamente percorsi prima del suono della campana, mentre il punto in cui l'atleta si trovava al momento del suono della campana verrà desunto considerando la velocità media degli ultimi due giri percorsi, ed applicando la stessa al tempo trascorso tra il suono della campana e l'arrivo dell'atleta sul traguardo.
La somma dei giri completati e dell'ultima frazione di giro comporranno la distanza complessiva percorsa dal singolo atleta. Sommando le distanze percorse da tutti i frazionisti di ogni squadra si otterrà la distanza percorsa complessivamente.
La Società che risulterà aver percorso la distanza maggiore si aggiudicherà il primo posto nella competizione.

Ebbene quest'anno, per la seconda volta consecutiva, la Vittorio Alfieri ha vinto, correndo per 374.010 metri, e superando rispettivamente la PAM Mondovì (371.078 metri) e la Dragonero (368.618 metri).
Come dicevo prima, io ero alla mia quinta partecipazione consecutiva, e per solo 52 metri non ho eguagliato il mio primato personale, stabilito alla mia prima partecipazione nel 2012.

ANNO SOCIETA' DISTANZA
SOCIETA'
POSIZIONE
SOCIETA'
DISTANZA
DENIS
POSIZ. IN
SOCIETA'
POSIZIONE
GENERALE
2012 Podistica Torino A 364,155 km 3a su 37 15,194 km 14° 98° su 816 
2013 Podistica Torino A 364,370 km 3a su 41 15,103 km 13° 93° su 895 
2014 Vittorio Alfieri A 363,788 km 4a su 38 14,372 km 22° 187° su 906 
2015 Vittorio Alfieri A 369,904 km 1a su 42 14,800 km 17° 118° su 968 
2016 Vittorio Alfieri A 374,010 km 1a su 41 15,142 km 17° 97° su 872 


Quest'anno, per la prima volta, ho corso in maniera costante dal primo all'ultimo giro. Pur se tentato di seguire la coppia Alberti (DLF ASTI) e Pezzuto (Brancaleone A) quando, dopo alcuni giri, aumentavano il passo e si allontanavano, ho resistito e mantenuto l'andatura che mi ero imposto (1'36" a giro, cioè 4'/km x un totale teorico di 15 km), subendo alla fine un distacco da loro di soli 250 metri.
Aumentare il ritmo era possibile, ma non ero certo di poterlo poi mantenere senza rischiare di stancarmi troppo, ottenendo alla fine un risultato inferiore a quello datomi come obiettivo.
Quindi grazie alla mia condotta di gara ed al risultato ottenuto, posso dichiararmi personalmente soddisfatto. Correre in pista è, a detta di molti, diverso dal correre in strada, poichè percorrere molte volte lo stesso giro, senza variare mai, è difficile innanzitutto mentalmente, e poi anche fisicamente. Senza dimenticarsi che, con 41 atleti contemporaneamente in pista, se si gira veloce, ci si trova spesso a dover superare e, per quanto tutti si comportino molto correttamente tenendo l'interno pista, questi sorpassi sono comunque dispendiosi.
Infine debbo affermare la mia soddisfazione anche per le prestazioni di tutti i miei compagni di squadra che, pur forti singolarmente, hanno nuovamente dimostrato come essere un "gruppo" abbia più valore della forza dei singoli.

A questo LINK trovi le foto scattate da mio figlio Francesco e me, a partire dalle 07:20 di domenica in poi

 

Registrati per poter scrivere un commento.