ConsComun


Il 01 aprile 2019, a Torino si è tenuta la seduta del Consiglio Comunale in cui si è discussa l'interpellanza presentata il 29 gennaio dal Consigliere Comunale Silvio Magliano con il titolo "Cascina Marchesa: la verità disturba sempre un pò qualcosa?" in cui vengono posti 13 quesiti volti a comprendere la corretta gestione della Cascina Marchesa.

Link a Interrogazione consiliare (scaricata da comune di Torino).

 

Ecco di seguito la trascrizione degli interventi dei singoli durante l'interpellanza, il cui video è comunque visibile a questo link: video interpellanza

LAVOLTA Enzo (Vicepresidente Vicario)
Interpellanza del collega Magliano 201900350:
“Cascina Marchesa: la verità disturba sempre un po’ qualcosa?”
Questo è il quesito del collega Magliano, risponde il Vicesindaco Montanari, prego, Vicesindaco.

MONTANARI Guido (Vicesindaco)
Grazie, Presidente. Buonasera a tutte e tutti.
L’interpellanza del Capogruppo Magliano è piuttosto articolata e si concretizza poi in 13 puntuali quesiti, ai quali cerco di rispondere sinteticamente.
Allora, il primo: a quale soggetto sia attualmente data in concessione Cascina Marchesa. L’immobile, di proprietà comunale, denominato Cascina Marchesa sita in corso Regina Margherita 371, è stata concessa alla Società Turin Marathon con atto RCU numero, data, eccetera, per una durata di anni 30 decorrenti dal 1° settembre 2006. L’atto è stato, successivamente, modificato, in data 12 novembre 2012, che ne ha prorogato la durata di 5 anni; pertanto la scadenza della concessione è fissata al 31 agosto 2041.
2) Se vi siano stati mutamenti, variazioni del soggetto titolare della concessione? A oggi, non sono intervenuti mutamenti, variazioni del soggetto titolare della concessione, né risulta siano pervenute richieste da parte del concessionario in tal senso.
3) A quanto ammonti il canone annuo della concessione? Il canone previsto dal contratto di concessione ha natura ricognitoria della proprietà ed è pari a euro 51,65 all’anno, rivalutato annualmente secondo gli indici ISTAT maturati.
4) Se il canone sia ritenuto congruo rispetto ai canoni di mercato e se, dal momento della stipulazione a oggi, il canone annuo sia stato rivalutato in base all’indice ISTAT? Per quanto attiene alla congruità del canone si è già precisata la sua natura ricognitoria. Detta natura va ricollegata alle condizioni di totale fatiscenza che l’immobile aveva al momento dell’affidamento e all’impossibilità di qualsiasi impiego, se non a seguito della ristrutturazione del complesso posto a carico del concessionario; il canone, come già detto, viene annualmente rivalutato in base agli indici ISTAT.
5) Se negli ultimi 10 anni l’immobile in oggetto sia stato subconcesso ad altri soggetti, chi siano questi soggetti, quale sia l’attività svolta? La Società concessionaria, con nota pervenuta in data 22 febbraio 2019, ha comunicato che non sono mai stati stipulati contratti di subconcessione.
6) Se, oltre al concessionario, siano presenti altre società collegate direttamente o indirettamente al concessionario? Porzioni dell’immobile sono state date in gestione a società terze per portare avanti l’attività ricettiva e potenziare l’attività sportiva, culturale e formativa i cui contratti sono stati regolarmente registrati. In particolare: la Società M.T. S.r.l. Maratona Torino, costituita dalla stessa compagine sociale della Turin Marathon e ad essa sovrapponibile anche in termini di fruizione degli spazi; la Ingloba-to, che gestisce il complesso ricettivo della villa, la REI-ACTION, società di promozione eventi sportivi, culturali impegnata nella valorizzazione delle attività nel complesso, la Spa Project-To, per l’organizzazione delle attività turistiche e congressuali e convegnistiche formative. All’interno della struttura è ancora ospitato transitoriamente, come foresteria, il Presidente di Team Marathon precedente affittuario del ramo sportivo oltre ad una persona che svolge funzione di custode e da una persona che in cambio di merce promuove le attività Turin Marathon tramite la propria attività di passeggiate a cavallo.
7) In caso di utilizzo degli spazi interni del compendio chi sia il soggetto che emette le fatture. In merito, la società Turin Marathon non riferisce nulla, cioè questa, evidentemente, è una risposta a cui non abbiamo ancora dato seguito, non ci sono fatture evidentemente.
8) Quale sia l’importo totale degli investimenti sostenuti dal concessionario per la ristrutturazione dell’immobile e se siano stati regolarmente rendicontati? L’importo totale dell’investimento è stato stimato dal concessionario in circa 7,5 milioni di euro.
9) Della somma di cui al punto precedente, quali importi derivino da contributi pubblici e privati? Il concessionario non è tenuto a rendicontare alla Città l’ammontare di eventuali contributi provenienti da soggetti privati.
10) Se il concessionario abbia inviato alla Città le relazioni annuali circa l’attività svolta, se è stata verifica la rispondenza al vero di quanto dichiarato e se esse possono essere messe a disposizioni del Consiglio Comunale? Si comunica che la società Turin Marathon ha presentato la relazione circa le attività svolte con riferimento all’anno 2018, allegata alla presente.
11) Se e quali interventi di manutenzione dell’immobile siano stati effettuati negli ultimi 10 anni, da chi e quale sia il soggetto che ha emesso le fatture per i relativi pagamenti? Gli interventi di restauro e di rifunzionalizzazione dell’immobile sono stati eseguiti tutti per conto della società concessionaria, come da autorizzazione del febbraio 2012.
12) Se l’Amministrazione abbia contezza circa la suddivisione degli spazi interni all’immobile e dei metri quadrati destinati alle varie destinazioni d’uso (e se siano note alla Città)? Si rinvia al punto 6 e all’elaborato planimetrico accluso alla nota già citata del 22 febbraio 2019.
Poi ancora, per il punto 13, ho una nota del Servizio Imposta Unica che adesso qui leggo e che mi dice quanto segue. Eccola qua. Turin Marathon, promemoria “In riferimento all’interpellanza per quanto concerne il punto 13 si comunica quanto segue: la posizione di TARI, Turin Marathon è a ruolo per le utenze di corso Regina Margherita, eccetera; sono presenti altre due utenze in corso Regina Margherita 223 rispettivamente, eccetera, risultano in regola con i pagamenti” e c’è un elenco dei pagamenti, “il totale TARI di euro 16.013,23 regolarmente pagato nel 2008 e nel 2018 è relativo all’utenza attualmente ancora attiva in corso Regina Margherita 371”, poi ci sono ancora alcune note tecniche, che se il Consigliere vuole io gliele do direttamente oppure le leggo in Aula, come preferisce.
Grazie.

LAVOLTA Enzo (Vicepresidente Vicario)
Prego, Consigliere Magliano.

MAGLIANO Silvio (Consigliere Comunale)
Sì, grazie, Presidente. Io ringrazio l’Assessore anche perché è in questa veste di sostituto, per cui anche nell’interlocuzione che potrei avere è evidente che non vi sono le condizioni, nel senso che essendo il Vicesindaco sostituto dell’Assessore Rolando, al quale vanno, come sempre, gli reitero i migliori auguri di tornare presto in Consiglio Comunale. Io non entro nel merito delle risposte, nel senso che sarebbe lungo, i punti erano 13, chiedo un approfondimento in Controllo di Gestione in modo tale da verificare e chiedo all’Assessore se può già fornirmi quanto ha letto in Aula in modo tale da verificare. Per quello che mi riguarda, e lo dico anche a scanso di equivoci, anche perché il Consigliere Comunale ha potere ispettivo e sindacale ed è giusto che ponga domande ed è giusto che l’Amministrazione risponda, da questo punto di vista; mi pare che quello che a oggi la Città risponde possa in qualche modo essere un primo
punto di risposta netta per quello che riguarda ciò che l’Amministrazione si è sentita rispondere. Mia disponibilità, da questo punto di vista, approfondire i documenti che il Vicesindaco ha voluto leggere in Aula e da questo punto di vista dirci a verbale.
Ho preso atto che dopo quest’interpellanza, purtroppo, si sono mobilitati tutta una serie di articoli sui giornali; il mio tema era solo capire come un bene della Città, che è stato ristrutturato, messo a disposizione dei cittadini, oggi viene gestito, stop. Lo dico perché purtroppo, da questo punto di vista (ci tengo a dirlo a verbale) si sono agitati in troppi su questa interpellanza che invece aveva solo un’opportunità, come ne ho fatte tante altre in questi miei otto anni, in cui andavo a chiedere come un bene della proprietà del Comune di Torino, gestito da un soggetto terzo, ancorché no profit, come veniva gestito. Se per l’Amministrazione questo bene, in questa fase, è gestito correttamente rispetto alla convenzione, rispetto a chi oggi lo abita, a chi oggi lo vive, il Consigliere Comunale prende atto, approfondisce e si rimette a quanto la Giunta dice; poi che si sia aperto un dibattito sullo sport, le maratone o non le maratone di Torino, quello non è mia intenzione approfondirlo. Io so solo che, da Amministratore comunale, ho il compito di capire se e come i beni che sono della Città, e quindi sono di tutti, sono da questo punto di vista, amministrati. Detto ciò, io, Presidente, chiedo un approfondimento in Controllo di Gestione, che potremmo fare quando magari l’Assessore Rolando sarà nella disponibilità di essere presente con i suoi uffici. Sono soddisfatto della risposta che mi è stata data dal Vicesindaco e nello stesso tempo chiedo al Vicesindaco di poter avere la documentazione, perché se no saremmo andati molto lunghi nell’approfondimento.
Detto questo, io ringrazio e concludo il mio intervento.

LAVOLTA Enzo (Vicepresidente Vicario)
Bene, avendo lei posto le questioni di carattere patrimoniale, l’approfondimento avverrà in I Commissione Consiliare più Controllo di Gestione e con questo accorgimento, che è quanto richiedeva il Consigliere Magliano, cioè di attendere per la discussione la presenza ai lavori dell’Assessore al Bilancio


Articoli collegati:
Maratona di Torino e dintorni: informiamoci per capire!
Maratona di Torino e dintorni: informiamoci per capire! - 2